Come conservare i tuoi capi in cashmere

Quando pensiamo ad un capo in cashmere, tutti lo percepiamo come un oggetto prezioso ed estremamente delicato, che necessita di molte attenzioni. Questo è vero solo in parte: non dimentichiamo infatti che le capre dal cui vello, definito duvet, viene ricavato il prezioso filato vivono in situazioni climatiche estreme, con forti sbalzi di temperatura che hanno reso la fibra estremamente resistente.

Bastano quindi poche accortezze, ben mirate, per conservare i vostri capi in cashmere e far sì che possano accompagnarvi per molti anni.

Lavaggio

Sfatiamo un mito: il cashmere non teme l’acqua e nemmeno i lavaggi frequenti. A patto che si seguano poche, indispensabili regole:

  • Lavate i capi a rovescio;
  • Utilizzate acqua a temperatura massima 30 gradi e poco detersivo, meglio se delicato;
  • Risciacquate abbondantemente senza torcere le fibre ma premendo il tessuto per eliminare l’acqua.

Questo per il lavaggio a mano: chi preferisce utilizzare la lavatrice, dovrà selezionare un programma delicato, con centrifuga che non vada oltre i 500/600 giri.

Asciugatura

Come per quelli in lana, anche i capi in cashmere tendono a deformarsi sotto il peso dell’acqua, per questo consigliamo di asciugarli in posizione orizzontale, facendo attenzione che le maniche non penzolino, lontano dal sole o da fonti di calore dirette. Per un’asciugatura più rapida e omogenea, vi raccomandiamo di girare il capo almeno una volta.

Stiratura

Se avete seguito i nostri consigli fino a qui, stirare i vostri capi in cashmere non dovrebbe essere necessario. Tuttavia, se lo preferite, potete stirarli con leggeri colpi di vapore, e sempre al contrario, senza mai poggiare il ferro direttamente. Prima di piegarli, assicuratevi che il vapore sia svanito e non vi siano residui di umidità.

Come riporre i capi

A questo punto, siete pronti per riporre i vostri capi fino all’arrivo della nuova stagione fredda. Vi consigliamo di procurarvi una busta chiusa, in cui inserirete un solo capo opportunamente ripiegato, e degli antitarme possibilmente naturali. Potete utilizzare il classico sacchetto di lavanda, oppure i pout-pourri di spezie, facilmente reperibili in commercio; se amate il fai-da-te, profumate dei batuffoli di cotone con oli essenziali di alloro, cannella, arancia o pachouli e chiudeteli in sacchetti traspiranti.

Pochi, semplici gesti, come avete visto, che vi permetteranno di far durare nel tempo i vostri capi in cashmere morbidi, caldi ed avvolgenti come il primo giorno.

Photo Credits:Unsplash